Il potere della Gentilezza

“Il Vento e il Sole, la favola di Esopo”

Tempo di Lettura  2min 11s  ⏱️

Oggi regala a un estraneo uno dei tuoi sorrisi.
Potrebbe essere l’unico sole che vede durante il giorno.”


 

Nella mia corta e immensa vita ho sperimentato innumerevoli volte
reazioni e azioni diverse a seconda dell’interlocutore che
avevo di fronte e al mio stato d’animo.
Ma posso dirvi con certezza che l’atto che mi ha sempre reso
favorevole e 
vincente in tutte le circostanze positive o avverse è
senza ombra di dubbio la manifestazione della Gentilezza.

Un vero è proprio potere capace di illuminare visi e placare
atteggiamenti tesi e fastidiosi, un
potere più forte dei
muscoli, della preparazione e della capacita nel comunicare.

Perchè non c’è bisogno di avere una spiccata intelligenza o
un metabolismo veloce per essere gentili
c’è bisogno di
bontà d’animo, semplicità e leggerezza.

Tante: le poesie, le canzoni, le storie e 
le frasi idiomatiche riguardanti la Gentilezza.
Platone diceva <<: Sii gentile. Sempre ! >> e chi come me portò
all’esame di maturità il
caro Dante Alighieri ricorderà la
famosa frase “Amor al cor gentil ratto s’apprende.

Ma oggi voglio raccontarvi una storia molto più semplice:

Il vento e il sole  (Esopo)

Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il
sole diceva di
essere la forza più grande della terra.

Alla fine decisero di fare una prova.

Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e
decisero che
il più forte di loro sarebbe stato colui che
sarebbe riuscito a togliergli i vestiti .

Il vento, così, si mise all’opera : cominciò a soffiare, e soffiare , ma
il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.
Il vento allora soffiò con più forza, e l’uomo chinando la testa si avvolse un sciarpa intorno al collo.
Dopo aver provato con tutta la forza che aveva, il Vento si arrestò, era esausto e provato.

Fu quindi la volta del sole, che cacciando via le nubi, cominciò a
splendere sorridendo con i suoi raggi gentilmente al viandante.
L’uomo che era arrivato nelle prossimità di un ponte, cominciò pian piano a togliersi il mantello.
Il sole molto soddisfatto intensificò il calore dei suoi raggi, fino a farli diventare incandescenti.
L’uomo rosso per il gran caldo, guardò le acque del fiume e senza esitare si tuffò .

Il sole alto nel cielo disse al vento:
che la gentilezza e la cordialità sono
sempre più potenti della forza bruta.
Il vento deluso e vinto si nascose in un luogo lontano.

Buon mercoledì
con Amore, Manù.


PRIMA DI SALUTARCI 
Questo articolo ha richiesto tanto lavoro e applicazione.
Se lo hai trovato utile e gradevole ti chiedo di ricambiare
il mio Impegno, CONDIVIDENDOLO .


SEGUI IL MONDO DI Manù

per scoprire le date di tutti Concerti, ascoltare le nuove Canzoni
e leggere i suoi articoli contenuti nel personal blog Le Stanze di Manù.

Ascolta, Condividi, Commenta !